Farmaco antielmintico impiegato ormai da 50 anni e incluso nella lista dei farmaci essenziali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, lista che seleziona i farmaci più importanti sulla base della loro efficacia e del loro profilo di sicurezza, ora una recentissima revisione della letteratura scientifica, comparsa sull’American Journal of Therapeutics (Lippincott Williams & Wilkins ) si aggiunge alla corposa evidenza a favore della sua efficacia nel COVID-19 e conclude sulla base di numerose evidenze, compresi studi clinici controllati e randomizzati in cieco, che l’ivermectina è grandemente efficace sia per la cura del COVID-19 (in termini di riduzione della durata della malattia, delle ospedalizzazioni, della carica virale e della mortalità) che per la profilassi (in termini di riduzione della trasmissione), e tutto questo a prezzo di effetti avversi in genere limitati, prevedibili e gestibili. La posizione di EMA, AIFA e federazione degli ordini dei medici italiani aggiornata al 29 luglio, dunque dopo la pubblicazione di questo studio, rimane che le evidenze sono di bassa qualità e dunque l’ivermectina può essere impiegata solo in sperimentazioni cliniche. A me invece pare che un farmaco del genere, data la sua tollerabilità, rappresenti in una congiuntura critica come questa un’opzione da considerare nell’ambito dell’autonomia del medico nel migliore interesse dello specifico paziente, “in scienza e coscienza” in accordo con i principi deontologici della professione. Ma anche queste divergenze di opinioni rientrano nell’autonomia propria della professione: l’importante è che siano sempre fondate su riferimenti verificabili e siano orientate al beneficio dei pazienti. A differenza di quanto accade in tanti altri paesi, in Italia l’ivermectina non è disponibile per assunzione orale nell’uomo, e il medico che intenda impiegarla deve chiederne la preparazione in farmacia.

Autore dell’articolo: Dr. Marco Cosentino

Fonte: GRUPPO TELEGRAM DR. MARCO COSENTINO: @MarCosent

Fuoricensura.net

Pubblicato da Fuoricensura.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Attenzione: Contenuto protetto!